Gemelli DiVersi, gruppo R'n'B: Tu corri, canzone sul calcio

Gemelli DiVersi

I Gemelli DiVersi sono un gruppo musicale che si è formato a Milano nel 1997. Genere: Pop e R'n'B. Sono apparsi sulla scena italiana nel 1998, con una versione rap di Dammi solo un minuto dei Pooh (gruppo pop di grande successo in Italia negli anni '70 e '80).

Tu corri

- Album: Fuego, 2002  -

Testo della canzone:
Ehi, questa mattina già al parco sai si parlava di quando ci si allenava nel fango e il mondo lo si scopriva giocando, ricordi il tipo che parlava poco, lui già vedeva il suo scopo, dentro lo sguardo bruciava quel fuoco, amava il gioco, amava il suo pallone, viveva per diventare il migliore, lo si chiamava il campione, sembrava un uomo con le sue scarpette addosso, guardava avanti fisso e diceva a se stesso: ci sei solo tu, con quella porta davanti (e un tiro da segnare che aspetta per svelarti se...) tu ti fai i sogni per cui tu corri (li meriti davvero o son solo illusioni folli !).
Solo tu e quella porta più in là (sotto i fischi di tutti quando quel tiro non va) particolari sciocchi (se pari si vede dagli occhi) niente paura tu corri, tu corri, niente paura tu corri...
TEMA :
In questa vita niente dato per niente, diceva continuamente quel ragazzino già grande coi sogni d'adolescente, nel campetto tra i palazzi si allenava al mondo metteva il cuore sul campo e mostrava il suo talento, attento ad ogni appunto dell'allenatore, cresceva col suo pallone, la stoffa del giocatore, un campione coi sogni impressi negli occhi, suo padre là sugli spalti si rivedeva in carriera quando giocava ai suoi tempi, per non deluderlo fece un provino e subito si ritrovò con un contratto in fronte a un grande pubblico, vide i suoi sogni realizzati in un lampo, il ragazzino ora un uomo che da spettacolo in campo, ed è l'orgoglio del padre, di tutta la famiglia, negli occhi lo stesso fuoco e quando combatte nell'area, mette la voglia, fantasia, altruismo per la sua squadra, mentre ripete a se stesso cercando la sua vittoria: ci sei solo tu, con quella porta davanti (e un tiro da segnare che aspetta per svelarti se... )
tu ti fai i sogni per cui tu corri (li meriti davvero o son solo illusioni folli!). Solo tu e quella porta più in là (sotto i fischi di tutti quando quel tiro non va) particolari sciocchi (se pari si vede dagli occhi) niente paura tu corri, tu corri. Solo tu . . . sotto i fischi di tutti se quel tiro non va . . . niente paura tu corri . . .
GRIDO :
Mentre dall'alto dei gradini, per bambini ed ultras, sei uno che ama tutto quello che fa, problemi non ha, che non fatica, tu sai che non così ma quello guarda la tua vita da lì in fondo, che ne sa di chi rovina quello per cui tu vivi, attaccanti sorridenti, finti e spenti trasformati in bimbi, col conto pieno e un matrimonio sincero, o con donne che mai hanno amato davvero, ecco perché fermarsi qui troppo facile ormai, e dire basta così ti rende fragile sai, ora che quello che ha, non brilla più come oro, non pensa a farsi donne ipocrite, tu dentro non sei come loro, non è la grana che ti spinge, ma la voglia, di essere un nome inciso a fuoco nella storia, come una luce da seguire, con la stessa frase in testa impressa fino alla fine: ci sei solo tu, con quella porta davanti (e un tiro da segnare che aspetta per svelarti se... ) tu ti fai i sogni per cui tu corri (li meriti davvero o son solo illusioni folli!). Solo tu e quella porta più in là (sotto i fischi di tutti quando quel tiro non va) particolari sciocchi (se pari si vede dagli occhi) niente paura tu corri, tu corri, niente paura tu corri. Solo tu . . . solo tu . . . sotto i fischi di tutti se quel tiro non va, particolari sciocchi . . . se pari si vede dagli occhi . . . niente paura tu corri...